lunedì 30 maggio 2011

Obsolescenza


di mresciani:
La scienza va avanti, i macchinari che aiutano a trovare anomalie nel nostro corpo  si fanno sempre più sofisticati e con un campo magnetico sempre più ampio.
Dopo anni passati per mia figlia, a trovare il medicinale giusto che attenuasse le crisi epilettiche, siamo ormai arrivati ad un capolinea.
Le medicine provate negli anni non funzionano assolutamente, se prima potevano almeno calmare per qualche giorno, ormai, abbiamo constatato che, non sortiscono nessun beneficio.
Negli anni ho visto, per effetto dei vari medicinali, mia figlia che nel giro di un mese ingrassava di 4 kg. e bisognava sospendere (intanto non facevano effetto) per non destabilizzare il metabolismo; poi cambiando medicinale diventava inappetente e perdeva peso considerevolmente, poi ancora con altri tipi di antiepilettici non sudava assolutamente.
Insomma, le varie prove non hanno dato gli effetti desiderati e l'hanno sottoposta a stress incredibili anche sull'umore che raggiungeva dei picchi assurdi con alcuni farmaci da farci preoccupare non poco, tanto da assecondarla quando ad una certa ora sfarfallava.
Il liquido di contrasto delle PET evidenziava qualcosa di anomalo in un certo punto, ma la risonanza magnetica non riscontrava niente.
Siamo rimasti in attesa di una risonanza magnetica più sofisticata, appunto a 3 tesla, questo tipo di risonanza con una definizione più alta invece ha rilevato l'anomalia che è una infinitesimale malformazione in una zona che non sto a spiegare..ma che è la causa delle sue crisi epilettiche quotidiane legate sempre e solo al sonno.
Che soluzioni, a questo punto?
Un intervento chirurgico difficilissimo e senza GARANZIE al cervello.
Noooooooo.....non si tocca un gioiellino di ragazzina, senza statistiche e buona riuscita dell'intervento, ma i primi a dire no sono i medici che la seguono da tanti anni.
Che benefici ne ricaverebbe?
Il lato cognitivo non ha possibilità di inversione di marcia a questa età, potrebbe sortire qualche effetto intervenendo in un bimbo magari di tre anni che ancora a tutto un suo percorso da effettuare. Su di lei servirebbe solo a provare a diminuire o cessare le crisi asportando quell'infinitesimale malformazione. Ma non ci sono appunto statistiche su un  tipo di intervento così, molto rischioso.
La nostra grande incognita è sapere se il suo tipo di epilessia potrà portare ancora dei danni a livello cognitivo, risposte non ne abbiamo MA negli anni i suoi elettroencefalogrammi sono stati sempre ugualissimi, mai un miglioramento ma neanche mai un peggioramento. Bruttini ....sono abbastanza bruttini, ma non precipitano.
Siamo arrivati questo mese ad avere questi risultati....dunque siamo al capolinea.
Mia figlia ha 16 anni e devo dire che grazie alla mia testardaggine e a qualcosa di più, insito nel mio carattere tosto, abbiamo saputo a che punto siamo arrivati.
La mia grande RABBIA  non so se definirla così o meno è che per sapere queste cose NOI dobbiamo sempre spostarci dalla nostra isola al "continente".
Questo macchinario anche nell'ospedale lombardo è stato montato da poco tempo e viene usato appunto per i casi dubbi, per via della sua alta definizione.
Nella mia Regione, facendo le mie indagini quando, due anni fa, mi prospettarono questa risonanza magnetica (due anni abbiamo aspettato!! eravamo fermi in attesa del 3 tesla) appurai che nel policlinico avevano acquistato una risonanza magnetica che arrivò nel dicembre 2008, ma era a tesla 1,5.
Perchè acquistare un macchinario di potenza inferiore, quando già la scienza ti permetteva di averlo più sofisticato?
Questa domanda io l'ho fatto a chi sta IN ALTO, ma la risposta è stata questa:
"Signora siamo una regione con 1.600.000 abitanti e, per le necessità nostre, il macchinario va bene, voi con malattie rare dovete sempre viaggiare e la Regione vi rimborserà per tali spese di viaggio e trasferta".
Risparmiare su inutili convegni a vantaggio di cose più  utili, no?
......
p.s. la foto.... quel cilindrone che vedete appeso alla gru è la più potente macchina per la risonanza magnetica esistente al mondo, al momento in cui sta per essere posizionata nel Max Delbrück Center for Molecular Medicine di Berlino; riesce a generare un campo magnetico da 7 Tesla e solo il magnete pesa circa 32 tonnellate, mentre il tunnel schermato ha un peso di 250 tonnellate. Al momento è l'unico esemplare esistente al mondo. Indovinate dove verrà installato un secondo esemplare?

8 commenti:

Gio Bazen ha detto...

http://tinyurl.com/4ysu9sa
;-)
Che dire... se penso che mia figlia non potrà fare questa RNM senza espiantare l'impianto cocleare, mi viene un groppone. Osservavo le sue "vecchie" RNM giusto pochi giorni fa: paragonate alle immagini che hanno diffuso è evidente l'era tecnologica che divide i due macchinari.
Il costo? Come 7 missili Tomahawk, 'na bazzeccola, visto che in Libia sono state sparate decine e decine di 7Tesla...

mresciani ha detto...

7 milioni di euro ....ma pensiamo al lavoro che fa questo macchinario, è straordinario.
Sì bisogna togliere anche l'apparecchietto per i denti...niente deve disturbare il macchinario.
Per il momento esiste solo un esemplare al mondo in Germania e l'altro esemplare andrà in Italia...è anni che seguo i vari tesla da 1.5 - 3 e 4...e l'ultimo addirittura 7 tesla.

Blindsight ha detto...

anche qualche sottosegretario e deputato in meno non guasterebbe affatto nel bilancio italiano, idem vale per i loro compensi e "pensioni"... così diverse dalle pensioni dei disabili italiani!
guardate pure quanto è stato speso, senza tanti brividi di fronte ad una cifra enorme di questi tempi, per preparare il flop di sgarbi in tv...
ma ne posso citare milioni di altre di spese che si potrebbero evitare per tenerci aggiornati.
nel caso di malattie rare va detto che ogni regione ed ogni asl si comporta autonomamente, non tutte rimborsano qualcosa in caso di viaggio, anche solo da una regione all'altra.
ciao laura

Blindsight ha detto...

p.s.: avete un link per questa rnm?

mresciani ha detto...

http://www.bioblog.it/2008/09/18/risonanza-da-7-tesla/20084152

ti_scrivo ha detto...

la RM non fa bene... è troppo intossica

http://www.matteodallosso.org/?page_id=129

7.1 Risonanza magnetica

La risonanza magnetica che ho eseguito era una risonanza magnetica a 1,5 Tesla (Wikipedia) con mezzo di contrasto. Quest’ultimo è un liquido che viene iniettato durante la risonanza per mettere in evidenza le lesione in fase attiva. In particolare il mezzo di contrasto (Gadolinio) è considerato di estrema utilità nella valutazione dell’attività della malattia. Ogni volta che si effetta la RMN con Gadolinio si acquisisce prima un immagine del cervello o del midollo spinale. Quindi, si somministra il mezzo di contrasto e si acquisisce una nuova immagine. Le lesioni che compaiono nell’ultima scansione, che non sono presenti nella prima, identificano delle aree attive di malattia. Il Gadolinio non è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica integra, ma solo quando è interrotta o alterata nella sua permeabilità, cioè quando sono presenti delle demielinizzazioni.

mresciani ha detto...

ma che fesseria assurda!!!!

Anonimo ha detto...

http://www.fondazionecrp.it/page.asp?IDCategoria=1345&IDSezione=14458&IDOggetto=17884&Tipo=GENERICO