venerdì 2 ottobre 2009

GLH: questo sconosciuto...



Razzolando sul web ho trovato questo articolo scritto da Gianni Papa, "illuminante":


Come genitore di un bambino autistico e insegnante di sostegno, vivo un conflitto d'interessi degno dei peggiori conflitti d'interessi politici.

1) Come insegnante di sostegno, sono preso in un ingranaggio nel quale la scuola gestisce e agisce da sola gli alunni con disabilità, in cui la scuola ha rapporti rari e inutili con le U.O.N.P.I.A. e in cui le U.O.N.P.I.A. non vogliono collaborare, o - peggio ancora - non sono in grado di farlo. Mi trovo a combattere - altresì - sempre più spesso, con genitori disinteressati che non capiscono l'importanza di avere costantemente incontri con l'insegnante di sostegno e - italianamente - "lasciano fare".

2) Come genitore, mi trovo a non sapere cosa mio figlio ha fatto a scuola (perché non me lo comunica), a non sapere se l'insegnante di sostegno gli ha fatto fare delle attività specifiche per la sua disabilità, se i compagni hanno cercato di interagire con lui e se lui ha cercato di interagire con i compagni. Mi trovo ad avere difficoltà nel vedere anche solo di sfuggita l'insegnante di sostegno, a poter avere incontri solo molto sporadici e molto brevi con tutto il corpo insegnante riunito (due insegnanti femmine e un insegnante di sostegno maschio). Mi trovo a non partecipare alla stesura del PEI né del PDF.

Come insegnante di sostegno - posso far perno sulla mia coscienza per svincolarmi dalla mollezza e dall'inutilità dell'istituzione; tuttavia, trovo molto arduo cercare di coinvolgere i genitori, i quali spesso hanno altri figli che stanno bene, non inquadrano nemmeno il proprio figlio come disabile e quindi se ne infischiano, oppure confidano nel fatto di essere seguiti dai servizi sociali o dal centro socio-educativo comunale.Come genitore, vorrei intervenire nella vita scolastica, entrare a scuola mentre c'è "lezione", partecipare a momenti comuni non strutturati come la mensa, perché mio figlio (pur parlando) non riesce a raccontarmi praticamente nulla, e l'unico modo in cui potrei capire veramente quello che fa (o che non fa) a scuola è essere presente e persino arrivare all'improvviso non preannunciato.

C'è una soluzione per tutto questo?

Esistono delle istituzioni previste dalla legge: i GLH d'istituto e i GLH operativi. Istituzioni - sulla carta - importantissime, ma che - anche loro - hanno dei grossi problemi.1) I GLH d'Istituto hanno - al proprio interno - una rappresentanza dei genitori, ma non esiste una "sottoriunione" in cui TUTTI i genitori si incontrino per discutere cosa dire nel GLH.

Inoltre, tali GLH molto spesso non esistono e - quando ci sono - hanno il valore di un fantasma inopportuno malvisto e mal sopportato dalla dirigenza e dal corpo insegnante.2) I GLH operativi dovrebbero essere fatti per la stesura di PEI e PDF e per la verifica degli obiettivi del PEI, ma non li fa quasi nessuno, perché:

a) I Dirigenti dicono che - se dovessero fare due GLH operativi all'anno (che, nei casi gravi come l'autismo, sarebbero comunque pochi) per ogni alunno certificato - la scuola andrebbe in fallimento (la preside di mio figlio ha addirittura detto: "Se devo istituire i GLH operativi, mi suicido")

b) Resta il problema dell'inettitudine delle U.O.N.P.I.A., spesso infarcite di personaggi di formazione psicodinamica che fanno risalire tutti i problemi all'incapacità delle famiglie (la neuropsichiatra dell'UONPIA ci consigliò - quando cercavamo un posto specializzato per far avere la diagnosi a mio figlio - IL DOSSO VERDE, un orrendo luogo gestito da suore dove si "cura" l'autismo con la psicoterapia, a partire dalla tenera età di due anni).

c) Le stesse U.O.N.P.I.A. scoraggiano la pratica virtuosa dei GLH operativi, in quanto (dicono) sono oberati dal lavoro, e non riuscirebbero a seguire tutte le scuole (però se passi per l'U.O.N.P.I.A. in un giorno qualunque, non trovi mai nessuno in fila ad aspettare: anzi spesso i neuropsichiatri stanno chiacchierando e scherzando o si stanno addirittura prendendo il caffè).

LA SOLUZIONE?

Le soluzioni a un tale stato di cose potrebbero essere varie. Provo ad elencarle.

1) Tornare alle scuole speciali. Tale soluzione però non è più praticabile in Italia, perché ormai abbiamo una lunga esperienza di "inclusione scolastica" e dobbiamo obbligatoriamente lavorare in quel senso: riorganizzare delle scuole speciali in grado di raggiungere l'eccellenza delle scuole speciali statunitensi (per esempio) è oramai utopico e richiederebbe tempo che non abbiamo, risorse che non abbiamo.

2) Controllare le scuole: quelle che non hanno istituito i GLH dovrebbero avere delle "punizioni", sotto forma di multe, stipendio inferiore al preside e ai suoi collaboratori eccetera. Metterla, insomma, sul piano dello scontro.

3) Dare potere ai genitori degli alunni disabili. Potere, ma anche doveri. Ogni genitore di alunno disabile dovrebbe condividere pienamente con il personale della scuola e con il Dirigente scolastico la responsabilità - anche penale e civile - dell'integrazione scolastica.

Quella che a me piace di più è la terza soluzione. Cambiare lo "stato giuridico" dei genitori dell'alunno disabile vorrebbe dire

1) Che un genitore di alunno disabile è a tutti gli effetti un membro dell'equipe pedagogica, partecipa ai consigli di classe e ai collegi docenti e può entrare ed uscire da scuola quando vuole.

2) Che nessun genitore di alunno disabile può prendersi il lusso di "lasciar fare" agli insegnanti, che ha la responsabilità come gli insegnanti del percorso educativo scolastico di suo figlio.

3) Che ciascun genitore di alunno disabile è obbligato non solo a condividere il PEI, ma a contribuire alla sua stesura.

4) Che un genitore di alunno disabile può denunciare per conto della scuola - in quanto membro della scuola - l'U.O.N.P.I.A. per inadempienza e incapacità.

5) Che un genitore di alunno disabile può DECIDERE sul percorso scolastico del proprio figlio, e non aspettare che piombi dall'alto qualcosa che i Dirigenti non vogliono concedere.

6) Che un genitore può decidere quale tipo di intervento riabilitativo effettuare a scuola e quali persone devono collaborare - in questo - con gli insegnanti

7) Su quest'ultimo punto, dato che l'U.O.N.P.I.A. non è quasi mai in grado di fare nulla (tranne che se hai la fortuna di abitarei a Mondovì) si tratta di privati o di enti convenzionati: un genitore di alunno disabile deve poter convocare il Consiglio d'Istituto in qualsiasi momento per richiedere fondi per autorizzare l'intervento di centri convenzionati con il SSN o il pagamento di esperti esterni.

Ciò, naturalmente, non esclude i GLH operativi: anzi li rafforza.I GLH operativi dovrebbero essere effettuati ogni volta che ce n'è l'effettivo bisogno. Non, quindi, 2 volte all'anno come norma, ma in maniera molto più flessibile: anche 100 volte in un anno (è una esagerazione, ma è per rendere l'idea) per alunni gravissimi.

Se quello che ho proposto dovesse diventare realtà, il potere di alcuni Dirigenti incapaci di attuare l'integrazione scolastica sarebbe ridotto e i genitori avrebbero la possibilità (ma anche il dovere) di contribuire al percorso scolastico dei propri figli. Altrimenti, continuando come stiamo continuando, non arriveremo da nessuna parte e ci faremo ridere dietro da tutto il mondo, altro che "modello dell'integrazione scolastica, vanto della Scuola italiana"!!!

3 commenti:

mresciani ha detto...

Un applauso di cuore a questo genitore che è anche insegnante di sostegno.
Condivido in pieno tutto ciò che ha detto.
La maggior parte dei genitori dei ragazzi disabili delle scuole che ha frequentanto mia figlia ...è brutto dirlo ma se ne stra-frega di tutto.
Abbiamo fatto la riunione di GLH la settimana scorsa e sono stati invitati tutti i genitori dei ragazzi disabili per conoscerci e per vedere se qualcuno si voleva candidare visto che su 18 ragazzi disabili la rappresentanza dei genitori può arrivare a 5.
Caspita come si fa una sotto-commissione se i genitori dei ragazzi disabili NON SI PRESENTANO NEANCHE ALLA PRIMA RIUNIONE????
Sempre le stesse faccie.......siamo sempre le stesse persone.....solo due mamme NUOVE si sono viste ma per fare delle lamentele per certe cose ....che non dovevano rientrare in una riunione di GLH.....Ma per educazione gli è stato dato spazio...
Genitori che non seguono i figli.....e noi genitori che vogliamo POTER CONTARE DI PIU' ......STIAMO SEMPRE A BATTERE PER LE STESSE COSE.
Noi non dobbiamo SOLO CONDIVIDERE IL PEI, ma dobbiamo partecipare alla stesura dello stesso, perchè siamo noi genitori IN ASSOLUTO quelli che conoscono di più i ragazzi e DOBBIAMO farci ascoltare per l'effettuazione di un percorso scolastico dove siano presenti anche i vari software per i pc che DOVREBBERO usare i nostri figli........UTOPIE...UTOPIE...UTOPIE......Tante volte veniamo solo INFORMATI di ciò che è stato acquistato PER I DISABILI.....Un anno si era segnalato durante la riunione di certi bandi a cui la scuola elementare poteva partecipare per quanto riguardava i disabili......e ci era stato risposto che le insegnanti non conoscevano i pc...per lavorarci. MA CAMBIA MESTIERE ....SANTO IDDIO.....Se gli insegnanti che dovrebbero aiutare i nostri figli non hanno voglia di aggiornarsi e di mettersi sempre in gioco....forse hanno sbagliato mestiere.....non possono preparare i ragazzi per il domani se loro fanno parte del TRAPASSATO REMOTO!!
Certo con genitori del calibro di questo Gianni ........si riuscirebbe a .........rivoltare la scuola e certi scogli di dirigenti scolastici....e non solo loro!!!

domiziana ha detto...

Magari si riuscisse a fare quello che dice questo papà! Parla dei Dirigenti che non attuano una vera integrazione, ed è vero, ma molto spesso sono le stesse insegnanti che non fanno partecipi i genitori. Magari mi venisse data la possibilità di contribuire al percorso scolastico di mia figlia, ho anche provato a farlo peccato che ho trovato tanta di quella ottusità e presunzione. Non so quante volte mi sono sentita ripetere che i genitori non devono entrare nella parte didattica mentre loro entrano in quella terapeutica, psicologica. Difficile scalfire la casta delle insegnanti soprattutto di quelle curricolari anche perchè facendo così sarebbero costrette ad occuparsi come dovrebbero degli alunni disabili, cosa che lasciano fare alle insegnanti di sostegno. Mia figlia ora è in quinta elementare e potrei scrivere un libro per quello che ho visto, sentito e vissuto.
Prontissima a prendermi ogni responsabilità e condivisione con la scuola ma è pura utopia.
Marina

TIMEOUT ha detto...

La terza soluzione proposta da questo genitore è quella che più mi piace. Il percorso fatto alla scuola media inferiore di mio figlio è stato il migliore e il più costruttivo, grazie ad insegnati collaborativi ed un dirigente sensibile: Non mi è stato mai presentato un PEI preconfenzionato, ma sono state fatte riunioni su riunioni sia per la stesura che per eventuali modifiche di obiettivi. Sono un eccezione, lo so:ma non si potrebbe fare in modo che l'eccezioni diventi la regola?
Dani