sabato 10 giugno 2017

'E utile e necessario farsi sentire

Il bellissimo articolo su Superando, a firma Stefano Borgato, sull'iniziativa attivata ed attuata da Genitori Tosti per confrontarsi con i candidati a sindaco del Comune di Verona.
Grazie a tutti quelli che hanno partercipato e aiutato la diffusione dell'iniziativa - menzione speciale a Marco Vesentini , Presidente della Consulta Comunale che ha fatto davvero le acrobazie per poter essere presente ed infatti nella foto di gruppo non c'è, dovendo ritornare in ufficio.
Grazie al Direttore di Telearena, Dottor Mario Puliero, al giornalista Alessandro D'Errico e all'operatore per l'impeccabile professionalità.
Grazie a Michele Zilocchi e Filippo Pivetta per la presenza, nonostante i loro impegni lavorativi, ma sempre in prima linea quando si tratta di disabilità e buone prassi.
Grazie all'amica mamma Luigina Arementano per il mail-spreading.
Ed infine, last but not the least, grazie alla fantastica, generosa e creativa Beatrice Mantovani per aver suggerito e messo a disposizione la comoda ed accessibile location, da tenere presente per futuri eventi, a prova di ruote ;)
Come hanno risposto i candidati al nostro sollecitare temi e questioni si può vedere/ascoltare qui, dal minuto 21.
(Piccolo inciso/sassolino lanciato nell'acqua: e l'accessibilità televisiva veronese per i disabili sensoriali?) 
Come sempre Genitori Tosti avviano iniziative per affrontare percorsi.
Iniziare un dialogo, finalmente costruttivo e concreto, con la nuova Amministrazione Comunale nel segno dell'applicazione di leggi e quant'altro, nell'interesse e nel ben-essere della comunità  intera, non è roba da poco. Ma meglio provarci che lamentarsi, giusto?
Auguri a tutti.

giovedì 16 marzo 2017

A chi interessa e chi paga



Ogni tanto incappo in discussioni che mi appaiono sul video, quando mi connetto a Facebook.
Discussioni di altri, in cui arriva il qualcuno di turno che se ne esce con un'invettiva contro una qualche categoria di persone. 
Peccato che invece di insultare quella categoria (atto già di per sè grave perchè non si dovrebbe insultare nessuno e men che meno farlo nascondendosi dietro una tastiera) sempre, puntualmente, l'offesa ricade su un'altra categoria umana. 
Ormai non mi arrabbio più troppo, piuttosto, a volte, mi viene da piangere o sto proprio male, perchè quando insultano tuo figlio sfido chiunque a rimanere impassibili. 
Ci sto molto lavorando, come associazione sulla COMUNICAZIONE e sulla CULTURA intorno alla disabilità, ma mi sembra una lotta persa in partenza.
Dipende anche tanto dall'interlocutore. 
Mi è capitato, mesi fa, di confrontarmi con un gruppo di ragazzi delle superiori: bagni di un fast food della mia città, uno di loro apostrofa un compagno con un "Sei sempre il solito handiccapato! Hai sbagliato bagno!" e ripete l'epiteto ridendo e tutti giù a ridere con lui. 
Trattenendo il groppo in gola ho chiesto, per favore, a quel ragazzo, di non usare quel termine, spiegandogli che mio figlio era così, ma non si meritava certo di essere offeso. 
Quel ragazzo e tutti intorno, che poi si fa sempre il gruppo intorno quando uno dice qualcosa, avevano la faccia un po' come quando ti vergogni, non sai cosa dire e ti si allargano gli occhi e si restringe la bocca.
Il ragazzo poi mi ha detto "scusi!". Bravo, tanto di cappello!
Spero proprio che da quel momento in poi lui e i suoi compagni non abbiano più usato quel termine per sfottersi e magari casomai lo sentissero detto da altri, che gli venga da protestare, trasmettendo così il mio "testimone culturale": sarebbe favoloso!
Invece con Travaglio, sì proprio il giornalista, non c'è stato verso: diede dei "cerebrolesei" ai lettori che avevano una certa idea e io, insieme a centinaia, credo e spero, di altri, gli scrissi per chiedergli di scusarsi. Non solo non lo fece, ma il giorno dopo scrisse un lungo pezzo a difesa del suo uso di quel vocabolo, che peraltro riteneva non essere offensivo.
Certo che da uno con una cultura ed istruzione pari suo non te l'aspetti, che sia così refrattario ad assorbire un concetto elementare come quello che, se usi un vocabolo come "handicappato" o "cerebroleso" o "mongolo", offendi le persone con quella disabilità, perchè attribuisci una valenza negativa/dispregiativa a uno stato fisico o mentale. E sappiamo tutti che questa si chiama discriminazione.
Può essere che in molti non sappiano che discriminare qualcuno in base al suo stato fisico o mentale non sia qualcosa di grave, anzi.
Assicuro che questa operazione, invece, è molto grave, perchè stabilisce delle gerarchie tra gli esseri umani. Nonostante a qualcuno spiaccia, però, siamo tutti UGUALI, la materia cellullare di cui siamo composti è la medesima.
Senza scomodare troppo certe discipline letterarie e scientifiche, dico che quanto più uno è colto tanto più si arrampicherà sugli specchi per perorare la giustezza della propria posizione, non facendo altro che riconfermare questa mala prassi della nostra cultura per cui chi non è "perfetto" automaticamente paga lo scotto della derisione o dell'offesa.
Che strano, eh? Il ragazzo poco più che adolescente si è scusato subito, l'adulto colto e famoso ha perso un'occasione.
Per me mio figlio è una delle persone più care al mondo e oltre all'amore infinito che posso avere come mamma, nutro un profondo rispetto per questo ormai ometto che, da sempre, mi insegna che non è vero che ti serve possedere tutti i pezzi di cervello per parlare, coordinarsi nei movimenti, ragionare, provare emozioni e fare battute. 
Io non posso non nutrire un profondo rispetto per chi, senza avere alcuni pezzi di cervello e senza anche il bene della vista, ha comunque imparato a parlare, a dispetto delle sentenze mediche. 
Non posso non ammirare un bambino che teoricamente non riuscirebbe a muoversi anche per la grave ipotonia oltre a tutto il resto, eppure ha impararato a lanciare il vortex ( e se lo potesse fare in palestra o sulla pista di atletica invece che nel rinchiuso della sua cameretta, chissà che lanci da record!).
Ieri sera mi è capitato un altro "qualcuno di turno".
Ho replicato ma poi ho desistito, a causa dello sbocco grafomane del mio interlocutore, che non si è nemmeno fermato un secondo a riflettere su quanto da me scritto - due righe invero.
La reazione di questa persona mi ha fatto molto riflettere: se solo nella vita di tutti i giorni c'è chi non coglie proprio nessuna differenza per l'uso che fa delle sue parole, e quindi giudica molto poco o molto male tutte quelle persone come mio figlio, come è possibile quindi che a livello più alto, là dove si decidono le leggi e dove c'è tutto un giro di comunicatori delle notizie (i giornalisti, come lo è un Travaglio) la situazione sia diversa?
In questi giorni si decide sulla sorte di oltre 240mila "handicappati", "cerebrolesi", "mongoli" e quant'altri esseri umani, come vogliate definirli, iscritti nelle scuole pubbliche.
Provo una profonda amarezza perchè nessuno, a parte le solite voci e pure fuori dal coro, ha denunciato a gran voce la discriminazione in atto con queste leggi che stanno per essere approvate.
Possibile che nel mio Paese contino così poco concetti come "essere umano", "diritti" e giustizia?
A chi interessa?
Chi paga, invece, è noto.
Nella foto il vortex di mio figlio.
Per noi che abbiamo rispetto e cognizione la definizione è persone con disabilità. Perchè le parole sono importanti.
Grazie a tutti.

domenica 5 marzo 2017

25 anni e 1 mese


Chi segue questo blog - a parte meritare un premio per la fedeltà dimostrata, contattatemi pure in privato - si ricorderà che, ad un certo punto, scrissi questo post.
Correvano i 16 anni della Legge 104 (era ancora minorenne!) e io ero proprio una burba, ma scrivevo così: 
"Gli anni ’90 passano insieme all’exploit del volontariato e del terzo settore, succedono ovviamente altre cose: quello che mi premeva capire era cos’è successo dopo, fino al quasi moriente 2008 e soprattutto PERCHE’ dopo 16 anni ancora c’è gente che non sa assolutamente che esiste la legge 104, soprattutto i genitori: credo che se uno si prendesse la briga di leggerla, forse non direbbe più quello che continuo a sentire, le aberrazioni che continuo a verificare, le discriminazioni perpetrate ai danni di chi difendersi non può."
Anno 2017, ben 8 anni sono passati da quanto così scrivevo e cosa è cambiato?
Ci sono ancora tantissimi genitori che ignorano la 104.
Ma, cosa assai più grave, è che  adesso  nel Governo Italiano c'è chi vuole cancellare interi articoli di questa legge, mai applicata a dovere, peraltro nell'arco di 25 anni, mica qualche settimana.
Il risultato dell'elisione di interi articoli della Legge 104 sarebbe la lesione totale dei diritti delle persone con disabilità.
Nel particolare, poichè parliamo della riforma della Scuola Pubblica Italiana, il testo di legge concertato per andare a riformare il sostegno e l'inclusione scolastica, avrebbe come unico esito il divieto per gli alunni con disabilità di poter proseguire a frequentare le scuole pubbliche.
Quindi, nel nostro Paese, contrariamente a quelle che sono le leggi che regolano l'evoluzione dello Stato Sociale, della cività, il progredire, si vuole ritornare indietro, a prima del 1992.
E chi dobbiamo ringraziare di tutto ciò?
Chi è che fa da mediatore tra la categoria in oggetto e il Governo e che si è seduto, da decenni unico interlocutore, ai tavoli istituzionali per concertare, suggerire, contribuire all'indirizzo delle Politiche del Paese in materia?
Giusto di ieri la notizia che sono stati ulteriormente erosi, fino al ridicolo, i fondi che vanno a finanziare la vita non autosufficiente and Co.
La legge sul Dopo di Noi è una barzelletta.
La legge sull'autismo non ha fondi.
La legge sull'inserimento lavorativo non pervenuta.
Sulla Sanità regna il caos.
Ora si tenta l'arrembaggio per il saccheggio della Scuola.
Possiamo permetterlo?
Buon anniversario, per chi comprende l'importanza di ricordarlo e impronta la propria vita nel rispetto dei diritti garantiti da questa preziosissima legge.
Per tutti gli altri, che già si fossero accorti: la legge è del 5 febbraio, non marzo 1992, ho sbagliato di un mese, ma la sostanza rimane invariata.